La parte sommersa
dell'iceberg


Nell’ambito della Qualità del Software, molta attenzione viene data agli aspetti di qualità visibili da un’osservatore esterno, che vede il comportamento a run-time di un sistema, ignorando come questo è stato realizzato. E’ l’approccio che consente di porsi nei panni nell’end-user verificando l’aderenza di requisiti di tipo funzionale. Esistono però una serie di altre tecniche che sono in grado di valutare e misurare la qualità dei sistemi con un’osservazione “interna”: è come essere di fronte ad un iceberg del quale siamo in grado di misurare le dimensioni in superficie ma non di sapere quanto sia grande la sua massa sotto il pelo dell’acqua.

Per Structural Testing s'intende la fase di test della struttura di un sistema informativo o delle sue componenti. Scopo delle tecniche di Testing Strutturale è quello di misurare e rendere evidenti caratteristiche di qualità di tipo non funzionale o strutturale, tipicamente aspetti di Robustezza, Affidabilità, Performance, Sicurezza, ecc.

Lo Structural Testing è spesso associato a termini quali white box, glass box e clear-box testing perché i Test Strutturali sono focalizzati nel conoscere cosa sta succedendo “dentro” il sistema/applicazione. Durante le verifiche previste dallo Structural Testing, occorre apprendere le implementazioni interne del codice e cioè come il codice è stato sviluppato e come lavora. Necessita quindi di metodologie e strumenti nuovi per il controllo di qualità.

Le nostre tecniche per l'analisi strutturale